Abiti Da Sposa Gonna Ampia, Lezione Di Storia Della Moda: La Potenza Subversiva Del Tulle

Da Sposa Masha, Gonna Ampia, Scollo A Cuore In Pizzo Con Cinta Con - Abiti Da Sposa Gonna Ampia

Abiti Da Sposa Gonna Ampia – Benvenuti alla lezione di storia della moda, in cui ci immergiamo nell’origine e nell’evoluzione delle imprese, delle icone, delle tendenze e di altro ancora più influenti e onnipresenti del settore della moda.

Poche cose incarnano la visione idealizzata della cultura occidentale più di una gonna di tulle schiumoso. Spesso associato a abiti da sposa e costumi da ballerina, le qualità eteree e trasparenti di questa rete leggera e sottile sono diventate il simbolo delle contraddizioni associate alla femminilità: delicate ma forti, pure ma sexy.

Il tessuto romanticizzato è diventato un passepartout nelle ultime stagioni, presentandosi sulle passerelle della primavera 2018 di Saint Laurent, Moschino, Alexander McQueen, Oscar de la Renta, Simone Rocha, Preen e Delpozo, solo per citarne alcuni. E con gli spettacoli couture in pieno svolgimento a Parigi questa settimana, è particolarmente prevalente ora. (Naturalmente, questo non significa nemmeno contare le montagne di tulle mostrate quasi ogni stagione da Molly Goddard e Giambattista Valli, che potrebbero probabilmente mantenere l’industria del tulle in attività per conto proprio.) La popolarità dell’abbigliamento in tulle potrebbe essere la reazione ciclica della moda al dominanza di mercato di vecchia data dell’abbigliamento sportivo, ma è una coincidenza che uno dei tessuti più tradizionalmente femminili sembra stia rinascendo sulla scia del movimento #metoo?

LE BASI DEL TULLE
Gli storici credono che, all’inizio, il tulle fosse faticosamente tessuto a mano usando metodi simili alla produzione di merletti a partire dal 1700. Il moderno tulle (noto anche come bobbinet) fu prodotto per la prima volta dopo una complessa macchina per tessere che poteva produrre in modo efficiente il tessuto nel 1809. [1] Successivamente, il tulle divenne parte integrante di abiti da sposa di fascia alta, abiti da sera e lingerie. Un tempo un tessuto proibitivo, costoso e lussuoso fatto di seta, il tulle alla fine divenne facilmente disponibile per le masse grazie all’introduzione di fibre sintetiche più economiche come nylon, rayon e poliestere.

Durante il XIX e il XX secolo, il tulle ha guadagnato popolarità per una serie di motivi. Divenne uno dei materiali più comuni usati per gli abiti da sera, specialmente dopo che l’influencer della metà del secolo Grace Kelly indossava una voluminosa gonna di tulle nel film del 1954 “Finestra sul retro”. La leggerezza del tessuto può essere stratificata per creare gonne massicciamente ampie che nascondono le gambe di una donna accentuandole la vita e il seno.

Tulle era anche usato per trasmettere la modestia quando velava sopra cappelli o la testa di una sposa, come spesso è ancora oggi. Secondo la storica sposa Susan Wagoner, la tradizione di indossare un velo da sposa risale all’epoca antica in cui le spose venivano avvolte per rappresentare la consegna di una “ragazza modesta e incontaminata”. Era anche usato come un modo per nascondere la faccia di una donna durante i matrimoni combinati in modo che lo sposo non vedesse la sua sposa fino a quando non fosse, beh, troppo tardi per correre. [4] Naturalmente, ci piace immaginare che i veli di tulle abbiano significati molto più romantici nei matrimoni contemporanei, ma è importante riconoscere che la popolarità del tulle nella moda di oggi rappresenta la capacità di una donna di scegliere cosa nascondere e cosa rivelare.

TULLE E TUTTO
Si dice che l’onnipresente tutù sia stata introdotta per la prima volta nel 1832 dalla ballerina italo-svedese Marie Taglioni per il suo ruolo da protagonista nel balletto “La Sylphide”. La gonna a campana che indossava avrebbe ispirato i costumisti a sovrapporre sempre più tulle per accentuare l’effetto sfidante della gravità del tutù, che divenne anche molto più corto per mostrare il gioco di fantasia di un ballerino. Tuttavia, mentre il semplice tutù bianco serviva a rappresentare la purezza e la virtù delle danzatrici, non è un segreto che gli spettatori maschi fossero contenti della maggiore esposizione delle gambe dei ballerini. [2]

Nonostante il suo fascino, la bellezza di un tutù di tulle è arrivata ad un prezzo tragico per molti ballerini. Nel 1800, l’illuminazione per interni proveniva solo da candele e dalla nuova potenza delle luci a gas; come potete immaginare, questo ha creato uno scenario pericoloso per tutti coloro che indossano voluminose gonne di tulle. Le ballerine erano particolarmente sensibili dal momento che le loro erano in genere rimbalzate intorno alle luci intermittenti del palcoscenico, e numerosi danzatori furono vittime delle fiamme per tutto il 1800. [1]

Dalle scatole musicali agli arredi natalizi, le ragazze sono esposte alle immagini della ballerina fin dalle prime parti della loro vita. Il tutu in tulle a campana oa forma di disco diventa un simbolo che rappresenta la bellezza e la grazia, fornendo un ideale per il quale lottare quando invecchiano. Come hanno notato gli studiosi di danza, la visione romanticizzata di una ballerina tutuata rimane un segno universale di una femminilità perfezionata: “couth e aggraziata, ma disciplinata e regolata”. [3]

LATO REBELLIO DI TULLE
Queste connotazioni culturali hanno reso il tulle maturo come strumento sovversivo per commentare i ruoli di genere o per celebrare la forza femminile attraverso l’uso delle giustapposizioni. Mentre il tutù ha storicamente simboleggiato la disciplina, la purezza e la bellezza (per il gusto dello sguardo maschile), indossando una gonna tutu al fianco, per esempio, stivali da combattimento e calze a rete sovverte la connotazione originale del capo e fa una dichiarazione contro i valori che tradizionalmente rappresentato. Alcuni teorici hanno anche notato che abbracciare l’aspetto tutu serve come un modo per una donna di comunicare il suo potere e individualità senza sacrificare il suo desiderio di abbracciare la sua “femminilità da ragazza”, una qualità effimera che alle donne viene detto di rinunciare per diventare rispettabile mogli e madri. [2]

Numerosi stilisti hanno messo in discussione gli aspetti binari della moda occidentale attraverso l’uso del tulle, proprio come Yohji Yamamoto ha fatto con il suo trambusto rosso immortalato da Nick Knight nel 1986. Quasi due decenni dopo, Rei Kawakubo di Comme des Garçons ha sollevato le sopracciglia con lei la cosiddetta collezione “Biker + Ballerina” per la primavera del 2005. Questa collezione iconica giustappone le qualità maschili delle giacche di pelle squadrate contro il tutù rosa sfilacciato per commentare le “risorse di cui una donna moderna ha bisogno – velocità, durezza e rigorosa autodisciplina, “come ha scritto Sarah Mower di Vogue nella sua recensione della collezione. Gli ingegnosi designer di Viktor & Rolf hanno anche fatto una dichiarazione usando il tulle per la loro collezione Ready-to-Wear primavera 2010, che è meglio ricordare per i suoi abiti over-the-top in tulle che sono stati distorti per sembrare pezzi bucati di formaggio svizzero. “Con la stretta creditizia e il taglio di tutti, abbiamo deciso di tagliare gli abiti da ballo in tulle”, hanno detto i progettisti alla stampa.

Ma gli stilisti non sono gli unici che hanno fatto affermazioni usando il tulle. Nessuno poteva dimenticare il look da sposa di “Like a Virgin” di Madonna che mescolava una gonna di tulle a malapena con elementi di lingerie. Tulle è stato anche uno dei materiali preferiti per i costumi iper-femminilizzati della drag queen, usando il tessuto per enfatizzare i tropici di genere e prendere in giro l’idea tradizionale di una donna effeminata. Indossato da un uomo o da una donna, la vista di una gonna di tulle al di fuori dei regni dell’abbigliamento tradizionale può affermare che non ci si adegua alle norme della società. Questo è piuttosto notevole quando ci pensi: quanti altri indumenti hanno il potere di fare una tale affermazione con un così piccolo contesto?

TULLE OGGI
L’industria della moda si è approprata degli elementi della divisa da balletto molto tempo prima che Carrie Bradshaw passeggiasse per le strade di New York nel suo iconico look tutu e tank per l’introduzione di “Sex and the City”. Ultimamente, i designer sono stati particolarmente desiderosi di usare il tulle in modi più irriverenti – infondendo l’aspetto ispirato al balletto con qualità di abbigliamento sportivo e sensibilità per l’uomo. Anche Giambattista Valli ha interrotto la sua solita sfilata di abiti da sera ultra-femminili per mostrare strati di tulle leggeri su pantaloni sartoriali e abbinati a blazer come parte della collezione couture 2015 del marchio.

E poi c’è stato il debutto di Maria Grazia Chiuri come direttore creativo di Christian Dior – il primo femminile al mondo – a settembre 2016, che ha portato il tulle alla ribalta di una nuova ondata di potere femminista. Capendo il potere dello streetwear per attrarre i millennial, Grazia Chiuri ha combinato lussuose gonne di tulle con le comodità dello sportswear, comprese quelle magliette ormai onnipresenti che leggono “Dio (r) evolution” e “We Should All Be Feminists”. Le gonne in tulle non erano nulla di nuovo per il designer, che le ha rese parte della sua firma nel suo precedente ruolo in Valentino, ma la decisione di includerle in questo spettacolo è stata una testimonianza della potenza di questo tessuto per fare una dichiarazione.

Poiché i codici di genere tradizionali continuano a diventare meno rigidi nel mondo della moda (e, si spera, in tutto il resto del mondo), il tulle ha trovato la sua strada anche nel menswear, anche se non molto spesso. Il designer iconoclasta belga Walter Van Beirendonck ha inserito il tulle nella sua collezione uomo primavera 2015 come “l’impulso a cambiare la costruzione di base del menswear”, drappeggiando lunghi pannelli di tulle che ricordavano i veli da sposa su giacche da uomo su misura. Più recentemente, la divisione maschile della House of Dior è stata rilevata da Kim Jones, che ha debuttato la sua prima collezione per il marchio a giugno. Invece di aderire agli stili di abbigliamento streetwear di lusso per cui è famoso, Jones ha optato per una vera e propria fantasia romantica, infondendo molte tecniche tradizionali della couture femminile in nuove interpretazioni del moderno abbigliamento maschile. “Il sesso non ha più importanza – è il 2018”, ha detto Jones alla stampa. Una camicia in organza bianca trasparente e tulle, ricamata a mano con piume delicate nello stile di un velo da sposa couture, è solo uno dei modi in cui il designer ha sostenuto la sua affermazione.

Ci sono molte ragioni per apprezzare il tulle, oltre a fornire un benvenuto, fantastico antidoto agli sguardi di athleisure e streetwear che abbiamo visto così tanto negli ultimi tempi. Un tempo tessuto strettamente femminile riservato a spose, ballerine e clienti facoltosi della couture, la democratizzazione del tulle ha contribuito a diffondere il messaggio che i ruoli popolari di moda e genere non sono più codici severi che devono essere seguiti da tutti. Nelle sue moderne incarnazioni, il tulle è libero di essere indossato senza dover trasmettere passività; tuttavia, non c’è niente di sbagliato saltellando in una gonna volata come una ballerina se ti rende felice. Nel mondo di oggi, potremmo probabilmente usare un po ‘più di gioia nei nostri armadi; che includa o meno una dichiarazione femminista dipende da chi lo indossa.

Fonti non collegate:

[1]: David, Alison Matthews. “Blazing Ballet Girls and Flannelette Shrouds: Fabric, Fire, and Fear nel lungo diciannovesimo secolo”, Textile 14, n. 2 (2016): 244-267.

[2]: Monden, Masafumi. “Layers of the Ethereal: Una ricerca culturale di bellezza, femminilità e balletto in giapponese Shōjo Manga,” Fashion Theory 18, no. 3 (2014): 251-295.

[3]: Peers, J. “Cultura di balletti e ragazze”. In Girl Culture: An Encyclopedia. Westport, CT: Greenwood, 2008: 73-84.

[4]: Wagoner, Susan. Lo voglio! I do !: The Origins of 100 Classic Wedding Traditions. New York: Rizzoli, 2002.

Tags: #abiti da sposa con gonna ampia #abiti da sposa con gonna ampia in tulle #abiti da sposa gonna a ruota #abiti da sposa gonna ampia #abiti da sposa gonna ampia e strascico #abiti da sposa gonna larga #abito da sposa corpetto e gonna ampia #abito da sposa gonna ampia #vestiti da sposa con gonna ampia #vestiti da sposa gonna ampia

Abiti Da Sposa Con Corpetto Swarovski E Gonna Ampia | Blog Su Abiti - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbiti Da Sposa Con Gonna Ampia - Danayse Atelier - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbiti Da Sposa 2015 Con Gonna Ampia - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbiti Da Sposa Con Gonna Ampia: Solo Per "inguaribili Romantiche" - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbiti Da Sposa Con Gonna Ampia (Foto 10/40) | Matrimonio Pourfemme - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbiti Da Sposa On Line Economici Con Corpetto Ricamato E Gonna - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbiti Da Sposa Gonna Ampia E Strascico – Moda E Design Italiani - Abiti Da Sposa Gonna AmpiaAbito Da Sposa Con Corpetto In Pizzo Macramè Con Bretelle E Gonna - Abiti Da Sposa Gonna Ampia