Abiti Da Sposa Esagerati, Abiti Da Sposa Del Secolo Fotografati Da Wal Richards

Da Sposa 2017: Vitalità E Femminilità Con Le Ruches - Abiti Da Sposa Esagerati

Abiti Da Sposa Esagerati – Un fotografo amatoriale che ha pedalato per Maryborough a Victoria scattando foto di matrimoni di sconosciuti per 50 anni, lasciandosi alle spalle un archivio di migliaia di foto che mostravano l’evoluzione della moda nuziale.

Wallace Aeneas Richards non è stato in grado di leggere o scrivere, ma la sua passione per la fotografia ha prodotto un record nel corso dei decenni.

Proprio come il fotografo americano Vivien Maier, anche lui un solitario silenzioso che ha lasciato molte domande senza risposta, la sua eredità è stata pienamente apprezzata solo postumo.

Ora le fotografie di Richards sono state curate per una mostra intitolata Wal Richards – Wedding Photographer in mostra alla Central Goldfields Art Gallery.

Box Brownie accende la passione
Richards, che aveva una leggera disabilità intellettiva, fu regalato a suo fratello una macchina fotografica di Box Brownie all’età di 16 anni,

Il fotografo non ufficiale e compulsivo andava in bicicletta in città e più lontano per fotografare matrimoni locali, spesso intralciando il professionista assoldato.

Ha continuato a scattare le foto fino alla sua morte nel 1997, all’età di 66 anni.

Fu solo dopo la morte di Richard che la sua famiglia e la comunità più ampia si accorsero dell’estensione della sua collezione.

Aveva accumulato oltre 20.000 fotografie, tutte confezionate in scatole da scarpe, senza etichetta e raramente datate.

Kareen Anchen, artista e curatrice ospite della mostra, l’ha descritta come una “storia di persone” composta da volti e ritratti catturati in uno stile molto “molto ostinato, molto naturalistico, molto documentaristico”.

“La gente lo adora – è ciò che chiamiamo arte” esterna “, ha detto.

“È inalterato, non filtrato, onesto, rinfrescante, [e] esprime ciò che qualcuno sta pensando e sentendo.”

Catturando il cambiamento dal bianco e nero al colore nei decenni successivi, le foto di Richards riflettevano anche i cambiamenti in lui.

“Apparentemente era piuttosto traballante, quindi le cose hanno cominciato a inclinarsi a destra, quindi molte foto sono fuori centro”, ha detto la signora Anchen.

Riflettendo la storia culturale
La signora Anchen ha detto che l’archivio ben documentato è una “capsula del tempo” che ha catturato l’epoca mutevole riflessa negli abiti delle persone fotografate da Richards, in particolare gli abiti da sposa.

La curatrice della moda e dei tessuti alla National Gallery of Victoria, Paola Di Trocchio, ha detto che, dove prima una sposa avrebbe indossato il suo vestito migliore, il matrimonio della ventenne regina Vittoria nel 1840 con un vestito bianco cambiò la storia della sposa.

“Il bianco ha storicamente avuto un significato ad esso collegato perché è un colore di status, perché è difficile mantenere pulito”, ha detto.

Abiti da sera conservatori, modesti, lunghi fino al pavimento che coprivano le spalle e spesso caratterizzati da una scollatura quadrata erano caratteristiche di spicco del design della moda sposa degli anni ’40.

L’era del tempo di guerra più ristretta vedeva spesso le donne che portavano i capelli in confronto alle lunghe ciocche degli anni ’70.

“Non penso che ci sia qualcosa [in quella foto] che sfida qualcosa di diverso dal tradizionale”, ha detto la signora Di Trocchio.

L’influenza mondiale di Dior
La vita stretta e la pienezza delle gonne, introdotte per la prima volta dal designer Christian Dior, erano un segno distintivo degli anni ’50 del dopoguerra.

“Penso che abbia avuto un’enorme influenza in tutto il mondo”, ha detto Di Trocchio di Dior.

Nell’era pre-televisiva, i matrimoni in campagna erano un “grosso problema” che spesso dominava un pubblico di spettatori.

“Secondo quanto riferito, ovunque tra i 50 ei 200 osservatori di nozze si allineano la strada alla chiesa per dare un’occhiata alla sposa, l’abito, i capelli, la madre-della-sposa, le damigelle d’onore, i loro vestiti e così via” La signora Anchen ha detto.

Mentre gli abiti da sposa erano spesso fatti di strati di pizzo, un tessuto tradizionale degli anni ’50, gli abiti da festa da sposa erano spesso abiti più corti con una vita alta sotto il seno.

“Puoi vedere le linee della vita che si muovono verso l’alto, il che è ciò che accade dalla transizione agli anni ’50 e ’60”, ha detto la signora Di Trocchio.

Semplificando la silhouette
Gli anni ’60 videro un grande cambiamento nelle sagome con le maniche strette che lasciavano il posto a disegni più dritti e gonne più corte.

La signora Di Trocchio ha detto che è stata una risposta a uno spostamento dell’equilibrio in quanto una generazione più giovane di sarte ha iniziato a creare vestiti per i loro coetanei.

Hanno influenzato molti designer britannici come Mary Quant e Barbara Hulanicki (fondatrice dell’iconico negozio di abbigliamento londinese di Biba) insieme ai designer francesi Pierre Cardin e il pioniere della mini-gonna Andre Courreges.

“Lo vedi nei designer australiani come Prue Action e MAGG – è fondamentalmente una semplificazione della silhouette, non un disegno in vita”, ha detto la signora Di Trocchio.

E con il lancio di Vogue Australia nel 1959, la moda è stata data un’altra piattaforma al fianco dell’Australian Woman’s Weekly.

Il look hippy
Le fotografie di Richards di abiti lunghi e fluenti, capelli fluenti e scollature abbassate – spesso viste sia su uomini che su donne – hanno caratterizzato gli anni ’70 come un’era molto più casual delle decadi precedenti.

“Era il riflesso di ciò che stava accadendo negli anni ’70 con stili di vita o look hippy”, ha detto la signora Di Trocchio.

Ha detto che lo stile di “revival degli anni ’40” è stato ispirato dal designer francese Yves Saint Laurent che ha influenzato designer australiani come Norma Tullo e Merivale e Mr John durante il decennio.

Fu anche durante gli anni ’70 che Richards viaggiò per quasi 350 chilometri in treno per fotografare la nipote Jenny indossando sangallo al matrimonio a Wodonga.

L’influenza globale della principessa Diana
Il passaggio dal film in bianco e nero a quello a colori, come si vede nel lavoro di Richards, riflette il cambiamento nell’immagine di sé delle persone.

“Gli abiti da sposa sembrano più dei costumi teatrali”, ha detto la signora Anchen.

Il più grande esempio di questo era l’abito della principessa Diana, un abito in taffetà di seta avorio grandioso con maniche a sbuffo e gonna a ruota, che avrebbe visto il suo stile influenzare le spose in tutto il mondo per gli anni a venire.

“Il suo abito da sposa, in combinazione con l’esuberanza degli anni ’80 è noto, ha definito il decennio degli abiti da sposa degli anni ’80 come piuttosto grande ed esuberante”, ha detto la signora Di Trocchio.

È stato anche un ritorno alla gonna più ampia e stretti in vita delle epoche precedenti e “il tipo di silhouette che associamo alle principesse tradizionali”, spesso condito con una tiara.

Secondo la signora Di Trocchio, questa tendenza di sagome esagerate e surdimensionate fu introdotta per la prima volta da Yves Saint Laurent nella sua collezione russa nel 1976.

Stripping indietro
La signora Anchen ha detto che la nostalgia e il romanticismo dell’era della fotografia in bianco e nero è andata ben oltre gli anni ’90.

“La gente voleva vedere se stessa a colori”, ha detto.

Le maniche a sbuffo lasciarono il posto alle spalle nude del vestito senza spalline che dominava i matrimoni degli anni ’90.

“C’era un sacco di spogliarsi della silhouette in una silhouette molto semplice”, ha detto la signora Di Trocchio.

La signora Anchen ha detto con le migliaia di fotografie in confidenza con la società storica locale, ci sono altri piani per l’eredità di lavoro di Richards.

“Questo è solo l’inizio della storia di Wal Richard – il più grande album di matrimonio in Australia”, ha detto.

La prossima sfida è cercare di identificare tutti nelle foto.

Wal Richards – Wedding Photographer è attivo alla Central Goldfields Art Gallery di Maryborough fino al 29 luglio.

Tags: #abiti da sposa esagerati #vestiti da sposa esagerati

Abiti Da Sposa Da Sogno! - Abiti Da Sposa Esagerati35 Abiti Da Sposa Noleggio 2018 | Uomini E Donne - Abiti Da Sposa EsageratiI 69 Abiti Da Sposa Più Sexy Del Momento: Pronta A Lasciare Tutti - Abiti Da Sposa EsageratiAbiti Da Sposa 2019, Estate Inverno. Tutte Le Collezioni - Moda Uomo - Abiti Da Sposa EsageratiAbiti Da Sposa Esagerati (Foto 28/43) | Matrimonio Pourfemme - Abiti Da Sposa EsageratiDa Sera Gipsy - Abiti Da Sposa EsageratiAbiti Da Sposa Rosa Clarà, Collezione 2014 | Unadonna - Abiti Da Sposa EsageratiAbito Da Sposa Con Fiocco Rosso ~ Migliore Collezione Inspiration - Abiti Da Sposa Esagerati